Grand Hotel Villa Serbelloni Luxury Magazine
04
APR
2015

pubblicato in:

Beauty&spa

04 APR 2015 pubblicato in:
Beauty&spa

RISVEGLIARE LA BELLEZZA DELLA PELLE A PRIMAVERA

Mentre i fori sbocciano, le nostre cellule si riproducono più velocemente, il sangue irrora meglio i muscoli, il respiro diventa più ampio e la cute più elastica. E’ il momento giusto per risvegliare la bellezza della pelle ricorrendo ai trattamenti

I TRATTAMENTI INDISPENSABILI

Poiché durante l’inverno l’aria è carica di particelle dannose che si depositano sulla cute attaccando le sue barriere protettive naturali – il film idrolipidico e lo strato corneo – con l’arrivo della primavera è necessario liberarla per consentirle di riossigenarsi e respirare.
A questo scopo, lo scrub-corpo è un trattamento essenziale (da provare quelli Al sale, Al riso, Allo zenzero e noce moscata) perché rimuove le cellule morte e contribuisce alla formazione di uno strato costituito da cellule più compatte e uniformi. Ripetuto con costanza da qui all’estate, stimola la microcircolazione sottocutanea favorendo anche il drenaggio dei liquidi che appesantiscono la silhouette.

Per il viso, invece, l’operazione detox parte da una buona pulizia effettuata da un’abile estetista e seguita dall’uso di cosmetici che permettano alla cute di respirare non occludendo i pori con sostanze sintetiche. E’ importante quindi controllare in etichetta che i cosmetici della beauty routine non contengano Paraffinum Liquidum (olio di vaselina), Petrolatum (vaselina) o siliconi che, spesso utilizzati al posto degli emollienti vegetali, non penetrano nella pelle e, invece di nutrirla, la disidratano pur rendendola liscia e setosa al tatto. Infine, poiché ossigenare e idratare sono le due parole d’ordine della bellezza in primavera, ecco un piccolo trucco dai grandi risultati: ogni mattina, al risveglio, dopo la detersione vaporizzate sul viso dell’acqua di fiori o un tonico delicato, poi applicate una noce di crema idratante e, solo dopo la colazione, utilizzate la vostra crema di trattamento.

 

ASSECONDARE I BIORITMI

Dopo l’idratazione, l’elemento più importante per la pelle in primavera è…il sonno!

Secondo uno studio promosso da Estée Lauder all'University Hospital Case Medical Center di Cleveland, infatti, chi dorme meno ha un’epidermide più disidratata e predisposta all’invecchiamento precoce rispetto a quella di chi invece riposa adeguatamente. Le cellule epiteliali si moltiplicano principalmente di notte – soprattutto fra l’una e le quattro – perché è in questa fascia oraria che viene rilasciato il GH, l’ormone della crescita. E poiché questa sostanza ha il suo picco di produzione a 20 anni ma poi diminuisce con l’avanzare dell’età, dormire a sufficienza è indispensabile soprattutto dopo i 40. “Se rispondiamo al ‘pigro’  bioritmo di primavera dormendo a sufficienza, consentiamo all’ipofisi di produrre anche più melatonina, un bioregolatore che ha un forte effetto ringiovanente” spiega il dott. Walter Pierparoli, autore di alcuni tra i più importanti studi scientifici sul rapporto tra melatonina ed aging “Con la giusta dose di sonno l’epidermide ‘rifiorisce’ perché la ghiandola pineale può ricaricare e settare correttamente il nostro orologio biologico, adattandolo ai nuovi ritmi di stagione”.

 

BEAUTY ROUTINE

Considerando i bioritmi della pelle, quindi, la beauty-ricetta di primavera è un buon sonno unito ai prodotti giusti, cioè a creme e sieri rigeneranti da applicare un’ora prima di andare a letto. Nelle ore notturne, infatti, la barriera cutanea diventa più permeabile e ricettiva all’assorbimento di qualunque sostanza.
Meglio però evitare i prodotti dalle texture troppo pesanti e ricche, perché possono rallentare il drenaggio dei liquidi cutanei accentuando un altro problema tipico del cambio di stagione: i gonfiori e le palpebre pesanti.
Via libera invece ai sieri ricchi di sostanze che seguono il ritmo di ricostruzione della pelle e stimolano la sintesi di collagene, elastina o acido ialuronico. E non solo per il viso: anche la cute del corpo recupera meglio durante il riposo, quindi dopo il bagno o la doccia serale è il momento di applicare sia i prodotti rassodanti che gli snellenti e gli anticellulite, perché è proprio di notte che i grassi sottocutanei si “sciolgono” meglio. 

Questo sito fa uso di cookie.
Continuando la navigazione su questo sito web (quindi cliccando sul pulsante "PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE" o cliccando all'esterno di questa area) si autorizza l'impiego di cookie.
Per informazioni dettagliate sull'impiego dei cookie in questo sito web invitiamo a cliccare su "Maggiori informazioni".Qui è anche possibile revocare l'autorizzazione all'impiego di (alcuni) cookie presenti.

PROSEGUI NELLA NAVIGAZIONE